Il 50% delle vendite online è sui Marketplace

Il mercato italiano degli acquisti online vale 22 miliardi di euro, con potenzialità di crescita enormi. Per molte società, quindi, vendere sui marketplace online, come Amazon o Alibaba, sta diventando una priorità e parte fondante della strategia di vendita online

In questo contesto, anche le Società di consulenza crescono e nascono realtà capaci di analizzare i mercati esteri attraverso strumenti di analisi. Anche l’utilizzo dello strumento Marketplace non è sempre immediato e può essere utile farsi aiutare o addirittura affidare alle Agenzie la commessa in cambio di una % sulle vendite. Una di queste Società è Witailer, ad esempio.

I marketplace online sono importanti sopratutto per i millennial, che molto spesso cominciano le loro ricerche online su queste piattaforme.

La crescita degli acquisti sui marketplace online è entusiasmante, il 97% delle persone che hanno comprato online nel 2017 l’hanno fatto anche su un marketplace, contro l’84% del 2016, con il 38% delle persone che hanno cominciato la ricerca del prodotto online proprio sul marketplace. Vi è poi un 50% degli intervistati che dice di avere comprato online da un marchio internazionale, contro il 43% del 2016. Questo dato fa riflettere su come i marketplace aiutino i brand nel processo di vendita all’estero (Fonte: UPS).

Il mondo dei marketplace online si concentra in 75 portali che gestiscono il 90% del mercato. Se si guarda al valore della merce venduta online, Taobao e Tmall, di proprietà di Alibaba, sono i primi player al mondo, seguiti da Amazon e Ebay (Fonte: DigitalCommerce360).

La cosa impressionante è scoprire che ormai si compra di tutto.  Più del 50% dei marketplace sono stati lanciati negli ultimi 7 anni e le categorie di oggetti venduti online si sta piano piano modificando.

In conclusione, se siete all’inizio ha più senso  crescere su di un marketplace che investire su un e-commerce di proprietà.

Fonte della news: www.startupbusiness.it